Home Norme Legislative

Il Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche ha lo scopo di assicurare la preparazione scientifico-professionale e fornire le competenze multidisciplinari necessarie ai laureati per operare nella progettazione, produzione e controllo dei farmaci e delle specialità medicinali, dei prodotti dietetici, dei prodotti cosmetici.

Il Corso di Laurea ha inoltre il fine di fornire competenze per le altre funzioni professionali dei laureati del settore farmaceutico, come definito e regolamentato dalla normativa nazionale e comunitaria. Per accedere ad esse i laureati dovranno avere svolto sei mesi di tirocinio professionale che non potrà essere svolto durante il corso di studi.

 

Sbocchi professionali:

 

Il Corso di Laurea in C.T.F. conferisce un titolo preferenziale per la direzione dei laboratori di produzione delle specialità medicinali (art. 23d della Seconda Direttiva del Consiglio delle Comunità Europee, 75/319/CEE).

 

Il laureato in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche può adire anche l'Esame di Stato per l'abilitazione alla professione di Farmacista dopo aver compiuto, successivamente alla laurea, un periodo di pratica professionale semestrale presso una farmacia.

A livello C.E.E., allo stato giuridico conseguito con l'esame di Stato per l'abilitazione alla professione di Farmacista, vengono riconosciute le seguenti funzioni:

  1. responsabilità della fabbricazione e controllo dei medicamenti;

  2. responsabilità dei laboratori di controllo e analisi dei medicamenti;

  3. responsabilità della preparazione di presidi medico-chirurgici e dei medicamenti galenici;

  4. responsabilità dello stoccaggio, conservazione e distribuzione dei medicamenti nella fase di commercio all'ingrosso;

  5. responsabilità della preparazione e distribuzione dei medicamenti nelle farmacie aperte al pubblico e in quelle ospedaliere, informazione scientifica sui medicamenti;

  6. responsabilità delle preparazioni di sieri, vaccini, tossine e affini.

  7. Il laureato in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche può conseguire l'abilitazione all'insegnamento di alcune discipline nelle scuole secondarie.(D.M. 24 Novembre 1994 - Suppl. Ord. G.U. n. 16 del 20.01.1995).

 

Gli aspiranti alla nomina di ufficiale in servizio permanente nel ruolo del servizio sanitario dell'Esercito (Ufficiali chimici-farmacisti) e nel ruolo dei farmacisti nel corpo della Marina, devono conseguire la laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (G.U. n. 4 del 5.1.1980).

 

La laurea in C.T.F. apre inoltre altri sbocchi professionali nei laboratori di ricerca pubblici e privati (Università, C.N.R., C.N.E.N., Istituto Superiore di Sanità), in istituzioni di controllo pubbliche (Camera di Commercio, Laboratori delle Dogane, ecc.) e private (Industrie, ecc.) e infine in vari livelli dell'industria Chimica, Farmaceutica, Cosmetica ed Alimentare.

 

Secondo la direttiva CEE del 27.7.1976 anche la produzione di prodotti cosmetici deve essere effettuata in laboratori diretti da laureati competenti, fra i quali i laureati in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche.

Tipo di attività Tipo di analisi

Norma di riferimento

Direzione Tecnica svolgimento servizi inerenti l'utilizzazione e la conservazione delle caratteristiche chimico-fisiche ed igieniche sorgenti di acque minerali.

Chimica

Fisica

Batteriologica

R.D.1924
Compiti di controllo analitico bromatologico e merceologico del farmacista all'interno di ospedali

Chimica

Fisica

Microbiologica

DPR 128/1969 art.22

(il D.Lvo 502/92 modificato con D.Lo 517/93 non ha di fatto modificato la competenza professionale)

Collaborazione nel ripristino dell'equilibrio ecologico e naturale tramite interventi di vario ordine (prelevamento campioni, controllo fonti di approvigionamento idrico, segnalazione tipi di inquinamento (dunque atmosferico, elettromagnetico, acustico, da RS e RL, ecc.)

Chimica

Fisica

Microbiologica

D.P.R. 94/89
Direzione officine per specialità medicinali e materie prime farmacologicamente attive (solo produzione) Anche in considerazione del Curriculum studiorum, il direttore dovrebbe essere in grado di valutare ed effettuare analisi chimiche, fisiche e microbiologiche su ogni tipo di farmaco, nonché identificare i punti critici e redigere i manuali di autocontrollo. D.L.vo 178/91
Requisiti minimi personale laboratorio di diagnostica DPCM 10/02/84
Responsabilità (Direzione) produzione prodotti dietetici e prima infanzia

Chimica

Fisica

Microbiologica

D.L.vo 111/92
Responsabilità (Direzione) per officine di produzione farmaci per uso veterinario

Chimica

Fisica

Microbiologica

D.L.vo 119/92
Ufficiale chimico-farmacista nei laboratori forze armate

Art. 121 T.U.L.L.S.S.

R.D. 1265/34

Direzione tecnica stabilimenti per produzione gas tossici R.D. 147/27
Direzione tecnica stabilimenti per produzione di molluschi eduli e lamellibranchi microbiologiche D.L.vo 530/92
Direzione tecnica depositi farmaci per uso umano D.L.vo 538/92
Igiene degli alimenti e bevande. Redazione piani di autocontrollo

Bromatologiche

Chimiche

Fisiche

Microbiologiche

D.Lvo 155/97
Responsabilità nei centri di autocontrollo produzione alimenti

Chimiche

Fisiche

Microbiologiche

Art. 10 D.L.vo111/92
Ispezione e verifica buone prassi di laboratorio D.L.vo 120/92
Direzione tecnica nelle officine di produzione cosmetici

Chimiche

Fisiche

Microbiologiche

L.713/86

D.P.R. 300/91

Valutazione sicurezza tossicologica, chimico-fisica e microbiologica prodotti cosmetici

Chimiche

Fisiche

Microbiologiche

D.L.vo 24/4/97 n°126
Tecnico in acustica (previa certificazione biennale di attività svolta) Fisica L. 447/95 art. 2 e 6,7,8
Attività pubblica di dirigente chimico-analista presso Istituti zooprofilattici (bandi visibili pubblicati sulla G.U.)

Chimiche

Fisiche

Microbiologiche

G.U. n.63 del 10/08/99
Idem per laboratori Ministero C.C.I.A.A.
Esclusione interpretazione sfere di competenza professionali in chiave monopolista Tutte Sentenza C. Costituzionale n. 345/95
Rivelazioni fisiche e chimico-fisiche ambientali

Fisiche

Chimico-fisiche

Nessuna in particolare prevede una figura professionale specifica ma solo "persona esperta".

In particolare, per le rilevazioni dei campi elettromagnetici, il DPCM 381/98 non prevede alcunché

Impiego come farmacista presso case di cura private, Ist. penitenziari, laboratori privati di analisi chimico-cliniche, ecc..

Chimiche

Fisiche

Microbiologiche

Direttiva CEE 85/432 del 16/975 recepita con D.L. n°258 dell' 8/08/91.

 

 
Cerca nel sito
Utenti in linea
 1 visitatore online